Morti in edilizia: troppa fretta per usufruire dei bonus fiscali e pochi controlli

Sarà compito dello Spresal e della Magistratura indagare le cause del disastro, ma sembra che il crollo della gru che ha ucciso tre operai e ferito dei passanti, avvenuto il 18 dicembre 2021 in via Genova a Torino, sia dovuto a un errato montaggio della struttura, forse per la fretta di aprire il cantiere, oppure a una manovra sbagliata.

Le scadenze legate al bonus facciate e le incertezze sul superbonus 110% stanno imprimendo un’accelerata anomala e incontrollata ai cantieri edili, con difficoltà a reperire ponteggi, materiali e personale qualificato e costi spropositati che spingono le aziende ad allestire troppo velocemente i cantieri e a smantellarli il prima possibile, per risparmiare. Aumentano così i rischi per lavoratori e lavoratrici e anche, come in questo caso, per chi vive vicino a un cantiere.

Oltre ai controlli fiscali, servono più ispezioni nei cantieri, specialmente in quelli negli affollati centri urbani, prestando particolare attenzione al lavoro nero, alla formazione e alla correttezza dei contratti applicati: tragedie come quella di via Genova potevano e dovevano essere evitate.

Il rilancio dell’edilizia e dell’economia post Covid non può avvenire sulla pelle di chi lavora.

Massimiliano Quirico
direttore@sicurezzaelavoro.org

Segui Sicurezza e Lavoro su Facebook, Twitter, Instagram e YouTube.

Sostieni l’informazione libera e indipendente di Sicurezza e Lavoro con una donazione.

Per una consulenza legale gratuita su salute, sicurezza e diritti sul lavoro, scrivere a sportello@sicurezzaelavoro.org