Sindacati in piazza dopo la strage al cantiere di Firenze

I sindacati confederali Cgil e Uil, insieme alle categorie degli edili Fillea e FenealUil e dei metalmeccanici Fiom e Uilm, hanno dichiarato due ore di sciopero a livello nazionale per la giornata di mercoledì 21 febbraio 2024.

Hanno anche invitato tutte le altre categorie a programmare nella stessa giornata iniziative di mobilitazione e assemblee nei luoghi di lavoro.

La decisione arriva appena appresa la notizia del crollo avvenuto il 16 febbraio 2024 a Firenze in un cantiere edile per la costruzione di un supermercato Esselunga, che ha travolto numerosi operai.

Per i sindacati, che denunciano mancati controlli, catene infinite di subappalti, lavoro nero e dumping contrattuale, si tratta della «ennesima tragedia insopportabile di morte sul lavoro».

«La mobilitazione immediata è doverosa – dichiara Massimiliano Quirico, direttore di Sicurezza e Lavoro – ma ci auguriamo che una volta terminata l’emergenza, l’ennesima, Governo e Istituzioni avviino un’interlocuzione più serrata su salute e sicurezza sul lavoro, intensifichino i controlli nei luoghi di lavoro e sanciscano norme più stringenti su appalti e subappalti».

Felicia Bello

Segui Sicurezza e Lavoro su Facebook, Twitter, Instagram e YouTube

Per una consulenza legale gratuita su salute, sicurezza e diritti sul lavoro, scrivere a sportello@sicurezzaelavoro.org

Sostieni l’informazione libera e indipendente di Sicurezza e Lavoro con una donazione