Sostanze pericolose, il quadro normativo europeo

Quali sono le normative e le azioni previste dall’Unione Europea in materia di sostanze pericolose?

L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) ha pubblicato un agile infosheet (formato .pdf) sulle leggi in vigore per proteggere lavoratori e lavoratrici dalle sostanze pericolose presenti negli ambienti di lavoro.

Tra le norme principali, si segnalano la direttiva quadro su salute e sicurezza sul lavoro (SSL), la direttiva sugli agenti chimici (CAD) e quella sugli agenti cancerogeni e mutageni (CMD).

Ci sono inoltre alcune direttive specifiche, ad esempio sull’esposizione all’amianto negli ambienti di lavoro e sulla protezione di gruppi specifici, come le lavoratrici gestanti oppure nel periodo di allattamento.

Esistono poi il Regolamento (CE) n. 1907/2006 del 18 dicembre 2006 concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH) e il Regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP)

del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele.

Il punto di partenza rimane comunque sempre – sottolinea il documento Osha – la valutazione dei rischi, fattore fondamentale per la loro riduzione e la prevenzione.

Eliana Puccio

Segui Sicurezza e Lavoro su Facebook, Twitter e Instagram.